ANNO B: OMELIA PER LA 17ª DOMENICA IN ORDINARIO

ANNO B: OMELIA PER LA 17ª DOMENICA IN ORDINARIO

TEMA OMELIA: VITA IN CRISTO

DA: Fr. L’abate Philip Lawrence

 

OMELIA:

Mie sorelle e fratelli in Cristo,

La seconda lettura di oggi ci dice: “Vivi in ​​modo degno della chiamata che hai ricevuto, con tutta umiltà e dolcezza, con pazienza, sopportandoti l’un l’altro per amore, sforzandoti di preservare l’unità dello spirito attraverso il vincolo della pace. “Siamo stati chiamati a vivere in Cristo Gesù e ogni aspetto della nostra vita dovrebbe essere in relazione con Lui. Nessuno di noi può farlo in modo coerente, ma siamo invitati e incoraggiati a continuare a provare.

La prima lettura proviene dal Secondo libro dei re e parla del profeta Eliseo che chiede a un uomo di dare i suoi 20 pani d’orzo per nutrire 100 persone. L’uomo sapeva che non sarebbe stato abbastanza, ma il Profeta gli dice di farlo comunque e di avere fiducia in Dio. L’uomo dà il suo cibo ai 100 e c’è del cibo rimasto.

Questo insegnamento del profeta Eliseo è profondamente sentito in tutto l’Antico Testamento. Dio spesso chiede alle persone di fare ciò che sembra impossibile e poi accade secondo la parola del Signore. Possiamo solo fidarci del Signore in questo modo se abbiamo costruito un rapporto di fiducia nel tempo con il Signore o se ci fidiamo della persona che ci chiede di fare l’impossibile. Nel nostro tempo, ci viene chiesto di fare l’impossibile, che è semplicemente credere in Gesù come Dio e Gesù come nostro Signore. Quando crediamo veramente che Gesù è Dio e Signore, allora le nostre vite cambiano e siamo in grado di fare molte cose impossibili.

Vivere in modo degno della nostra chiamata significa essere disposti a provare l’impossibile quando ci viene chiesto perché confidiamo nel Signore.

Il brano evangelico di oggi di San Giovanni riflette la prima lettura. Gesù chiede a Filippo di sfamare il popolo e Filippo sa subito che non c’è abbastanza cibo. Si lamenta che nemmeno una grande quantità di denaro sarebbe in grado di acquistare abbastanza cibo. Filippo dimentica l’insegnamento che con il Signore, c’è sempre abbastanza! Gesù deve ricordare sia a Filippo che a Andrea che ci sarà sempre abbastanza quando confidiamo nel Signore. E, infatti, ce ne sono più che sufficienti. Il cibo raccolto in seguito è più del cibo con cui hanno iniziato.

La maggior parte di noi dubita che Dio provveda veramente a noi. Molte volte semplicemente non chiediamo a Dio e non preghiamo perché sappiamo che è impossibile. Parte della crescita nella nostra fede è imparare a chiedere l’impossibile, a chiedere a Dio di agire, a chiedere a Dio di essere presente in tutti i nostri pensieri, parole e azioni. Sembra così semplice, eppure è un atto di fede assolutamente profondo confidare nel Signore.

Questa domenica possiamo chiedere questo tipo di fede profonda e iniziare a guardare e vedere come Dio è presente in tutte le cose, prendersi cura di noi e fare ciò di cui abbiamo bisogno.

Fr. L’abate Philip Lawrence, OSB  Cristo nel monastero del deserto, Abiquiu, New Mexico

Have you donated yet? We are praying and wishing you a great year ahead.

<script src="https://donorbox.org/widget.js" paypalexpress="false"></script><iframe src="https://donorbox.org/embed/we-need-your-assistance" name="donorbox" allowpaymentrequest="allowpaymentrequest" seamless="seamless" frameborder="0" scrolling="no" height="900px" width="100%" style="max-width: 500px; min-width: 250px; max-height:none!important"></iframe>

Please Donate》》》