ANNO B: OMELIA PER LA QUATTORDICESIMA DOMENICA IN ORDINARIO

ANNO B: OMELIA PER LA QUATTORDICESIMA DOMENICA IN ORDINARIO

TEMA OMELIA: LA PRESENZA DI DIO NEGLI ALTRI

DA: Fr. L’abate Philip Lawrence

 

OMELIA:

Mie sorelle e fratelli in Cristo,

Siamo in grado di vedere la presenza di Dio negli altri? Siamo in grado di riconoscere che Dio parla attraverso gli altri? Vediamo e riconosciamo i profeti del nostro tempo? Le letture di oggi ci chiamano ad aprire i nostri cuori, le nostre menti e tutto il nostro essere alla presenza di Dio negli altri.

La prima lettura oggi è del profeta Ezechiele. Dio manda i profeti al suo popolo. Non ci piace sempre ascoltare le parole di un profeta. D’altra parte, non tutti quelli che parlano sono profeti. Sia l’Antico Testamento che il Nuovo comprendono chiaramente che un vero profeta deve parlare secondo la Parola di Dio e non secondo le parole degli uomini.

Oggi molti affermano di essere profetici, ma molti non hanno alcuna pretesa di dire la Parola di Dio. Un vero profeta nella nostra tradizione cristiana deve riflettere sia le Sacre Scritture che la Chiesa. Il Profeta Ezechiele parla chiaramente lo stesso messaggio degli altri profeti e quel messaggio è sempre lo stesso: fedeltà alla parola di Dio rivelata nella Sacra Scrittura, amore per Dio, amore per gli altri, cura dei bisognosi e degli oppressi.

Questo messaggio delle Scritture rimane lo stesso dall’inizio alla fine delle Scritture. Il messaggio richiede sempre di abbandonare le nostre preoccupazioni e preoccuparci solo di Dio e del messaggio di Dio per noi. Nel momento in cui iniziamo a cercare il nostro bene, il nostro arricchimento, il nostro modo di pensare, allora diventiamo infedeli alla parola di Dio.

La seconda lettura oggi è dalla Seconda Lettera ai Corinzi. Qui ascoltiamo anche la parola di Dio: “Mi accontento di debolezze, insulti, avversità, persecuzioni e costrizioni, per amore di Cristo; perché quando sono debole, allora sono forte. “Siamo invitati ad abbracciare la parola di Gesù Cristo con tutta la nostra forza e tutto il nostro essere. Quando abbracciamo questa parola di Dio, sicuramente soffriremo e conosceremo le nostre stesse debolezze. Anche questa è una forma di profezia perché più abbracciamo Cristo e seguiamo la Sua via, più le nostre vite parlano di Dio e del Suo incredibile amore per noi. Noi profetizziamo semplicemente vivendo.

Il Vangelo oggi è di San Marco e ci riporta alla sfida del rifiuto. Dovremmo ricordare che Ezechiele ci ha detto che non importa se un profeta è riconosciuto o meno. Ciò che importa è che il profeta parla la parola di Dio. Il Vangelo di oggi sottolinea che possiamo rifiutare un vero profeta semplicemente perché non crediamo che Dio agisca negli eventi ordinari della nostra vita e in persone apparentemente ordinarie.

Dio ci parla sempre: negli altri, negli eventi della nostra vita, nella Chiesa, nel nostro mondo. Per comprendere Dio, dobbiamo essere attenti innanzitutto alla sua parola rivelata. Quando quella Parola rivelata è il nostro intero modo di vivere, allora iniziamo a riconoscere la Sua parola in tutte le altre realtà della nostra vita. Oggi Dio ci invita: ascolta i profeti! Apri i tuoi cuori, le tue menti e gli esseri! Dio ti ama e desidera parlare con te. Non indurire i tuoi cuori oggi!

Fr. L’abate Philip Lawrence, OSB Cristo nel monastero del deserto, Abiquiu, New Mexico

Have you donated yet? We are praying and wishing you a great year ahead.

<script src="https://donorbox.org/widget.js" paypalexpress="false"></script><iframe src="https://donorbox.org/embed/we-need-your-assistance" name="donorbox" allowpaymentrequest="allowpaymentrequest" seamless="seamless" frameborder="0" scrolling="no" height="900px" width="100%" style="max-width: 500px; min-width: 250px; max-height:none!important"></iframe>

Please Donate》》》