ANNO B: OMELIA PER L’UNDICESIMA DOMENICA IN ORDINARIO TEMA OMELIA: "Gesù disse: 'Il regno di Dio è come se qualcuno spargesse seme sul terreno, e Dormirebbe e risorgerà giorno e notte, e il seme germoglierà e crescerà, non sa come. '"(Marco 4: 26-27)


ANNO B: OMELIA PER L’UNDICESIMA DOMENICA IN ORDINARIO

TEMA OMELIA: “Gesù disse: ‘Il regno di Dio è come se qualcuno spargesse seme sul terreno, e Dormirebbe e risorgerà giorno e notte, e il seme germoglierà e crescerà, non sa come. ‘”(Marco 4: 26-27)

DA: Fr. Robert deLeon, CSC

 

OMELIA:

Marco 4: 26-34

Tempo di giardinaggio estivo. Considera un articolo scritto da David Mills che invita oggi la nostra riflessione. Condivido un estratto con te: “Tutti abbiamo una visione di ciò che vogliamo, e crediamo che andrà bene per tutti, che lo vogliano o no. [Questa] intuizione tratto dal sociologo Zygmunt Bauman. La modernità, dice in un libro intitolato Living on Borrowed Time, “è nata sotto il segno di una nuova fiducia: possiamo farlo e (così) lo faremo. Possiamo rifare la condizione umana in qualcosa di meglio di quanto sia stato finora. ”

“Bauman fornisce un’immagine molto buona per questa convinzione. Lo chiama “posizione da giardinaggio”. Spiega: “Armati di una visione di perfetta armonia, i giardinieri mettono in ordine alcune piante come erbacce, ospiti indesiderati e non graditi, distruttori di armonia, macchie sul paesaggio. L’implementazione di un progetto, costruendo l’ordine progettato, richiede che le erbacce vengano sradicate e avvelenate, in modo che piante utili e / o esteticamente gradevoli possano prosperare e fiorire, ciascuna sul proprio letto di fiori o vegetale. Quando crei un giardino, la distruzione delle infestanti è un atto di creazione. È lo sradicamento, l’avvelenamento o il bruciore delle erbacce che trasforma la natura selvaggia in ordine e armonia “.

“Vedi il problema: il giardiniere ama la sua visione e sa che può renderlo reale e tutti lo ameranno, se solo riuscirà a eliminare tutte le erbacce. Le erbacce, sono il nemico del bello e del buono. Eppure crescono e continuano a tornare. Si comportano come se avessero una visione migliore per il suo giardino di lui. La maleducazione. L’impudenza. Il giardiniere inizia a odiarli con un odio perfetto.

“Abbiamo visioni di perfezione come quelle del giardiniere. Vediamo le erbacce che mantengono la nostra visione dall’essere compiuta. Spesso conosciamo i loro nomi. Sorprendentemente, non sanno nemmeno che sono erbacce. Si comportano come fiori. Alcuni, e questo ci sciocca davvero, penso che siano i giardinieri e cercano di prendere il nostro posto. Per il bello del giardino che potrebbe essere, il giardino che tutti ameranno (tutti tranne le alghe), dobbiamo sradicare questi distruttori di armonia e macchie sul paesaggio. I sogni frustrati si trasformano facilmente in rabbia. Anche gli amici possono diventare erbacce. Alcune anime buone non lo hanno sentito, ma si sono quasi certamente ritrovati trattati come erbacce.

“Dio è il giardiniere e la visione è sua. E sembra godere della profusione più selvaggia dei fiori, più è e meglio è. Non considera nessuno di noi un’erbaccia. “(Aleteia.org/2017/03/08) Nel brano del Vangelo che ascoltiamo oggi,” Gesù disse: ‘Il regno di Dio è come se qualcuno spargesse seme sul terreno e dormi e sali notte e giorno, e il seme germoglierà e crescerà, non sa come. ‘”(Marco 4: 26-27) In verità, è un regno divino che stiamo considerando qui, non quello dell’essere umano. Riguarda il divino giardiniere affidare la cura di ciò che ci ha piantato fallibili agenti umani. “Abbiamo visioni di perfezione come quelle del giardiniere. Vediamo le erbacce che mantengono la nostra visione dall’essere compiuta. Spesso conosciamo i loro nomi. Anche gli amici possono diventare erbacce. [Tuttavia] Dio è il giardiniere e la visione è sua. E sembra godere della profusione più selvaggia dei fiori, più è e meglio è. Non considera nessuno di noi un’erbaccia. “

Facebook Comments