OMELIA PER LA TERZA DOMENICA DELL’ANNO B TEMA OMELIA: PULIZIA DEL NOSTRO CUORE, IL TEMPIO


OMELIA PER LA TERZA DOMENICA DELL’ANNO B

TEMA OMELIA: PULIZIA DEL NOSTRO CUORE, IL TEMPIO

DI: P. Benny Tuazon
(Giovanni 2: 13-25) Terza domenica di Quaresima (giorno 19 della Quaresima)
Nel Vangelo del giorno, la terza domenica di Quaresima, Gesù è arrabbiato. È arrabbiato con coloro che mancano di rispetto al tempio facendo affari immorali nell’area del tempio. I cambiavalute approfittano degli stranieri che si recano nell’area per venerare. Persino quelli che vendevano colombe per l’offerta vendevano galline troppo cari. Gesù non poteva sopportare ciò che stavano facendo in un luogo in cui si suppone che Dio si incontrasse. Mostrò la Sua umanità, la Sua e la sua preoccupazione facendo una frusta e usandola per cacciare tutti coloro che erano colpevoli.
Il tempio o la chiesa è un luogo di culto. È dove possiamo incontrare Dio. Dio fa sentire la sua presenza in quei luoghi. L’irriverenza non ha posto in essa. Mentre crediamo che Dio sia ovunque, ci sono ancora luoghi designati per pregare e incontrare Dio. Specialmente nella nostra fede, crediamo che il pane e il vino diventino il Corpo e il Sangue di Gesù nella massa. Questo è il motivo per cui genuflettiamo, facciamo voto o facciamo un gesto di rispetto quando entriamo in una chiesa o passiamo dal tabernacolo.
Ma la purificazione del tempio può essere vista purificandosi dai nostri peccati. Il corpo umano è anche il tempio dello Spirito Santo. Il nostro corpo umano deve essere trattato con rispetto e dovrebbe mantenere la santità. Alla luce della Quaresima, la conversione è il messaggio di Gesù. Non dovremmo esporre i nostri corpi ai peccati rendendoli così empi. Lo Spirito dimora in noi. Dobbiamo riconoscere quella presenza. Ancora più importante, dobbiamo rispettarlo non permettendo al peccato di contaminare un cuore santo.
Facebook Comments