XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)







OMELIA DELLA XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

TEMA DELL’OMELIA: COME PREGO?

A CURA DI: Molto Rev. P. John Louis

 

INTRODUZIONE
“Come faccio a pregare?” è una domanda frequente. È una domanda che i discepoli hanno posto a Gesù. Rispondendo loro, Gesù ci insegna le linee guida fondamentali della preghiera. In altre parole, nel Padre Nostro, Colui che conosce la mente e il cuore di Dio Padre ci fornisce le migliori linee guida per accedere alla mente e al cuore di Dio. Quindi, oltre a recitare il Padre Nostro, Gesù si aspetta che, quando preghiamo con parole nostre, includiamo i seguenti punti chiave.

“PADRE NOSTRO CHE SEI NEI CIELI
Non vediamo il Dio del cielo. Occorre quindi la fede per credere che Dio esiste e che ci è Padre. Pertanto, il primo principio della preghiera è che deve iniziare con la fede. Nella preghiera non parliamo con una superpotenza lontana che non si preoccupa di noi, ma con il nostro Padre più caro che ci è vicino e si preoccupa di noi (più di quanto possiamo immaginare: si preoccupa persino di ogni nostro singolo capello).
Essere in cielo non significa che Dio sia lontano da noi, ma piuttosto che è nella posizione privilegiata per vedere tutti i nostri bisogni, le nostre preoccupazioni, le nostre gioie e i nostri dolori. Pertanto, dovremmo parlare con Lui come parleremmo con un padre caro che conosce le nostre necessità e che è più che disposto a provvedere a noi. Infatti, il più delle volte Dio ci fornisce il sostentamento fondamentale della vita – il respiro – anche quando non lo abbiamo chiesto.

“SIA SANTIFICATO IL TUO NOME
Il secondo principio è che in ogni preghiera dobbiamo riconoscere la suprema santità o sublime maestà di Dio. Questo avviene innanzitutto avvicinandosi a Dio in preghiera con la dovuta riverenza. In secondo luogo, riconosciamo la sua suprema santità lodandolo.

“VENGA IL TUO REGNO, SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA”.
Sicuri del suo amore paterno per noi, della sua perfezione (santità) e della sua saggezza divina, dobbiamo avvicinarci a Dio come a un Padre la cui volontà è nel nostro interesse. Questo è stato l’atteggiamento di preghiera di Gesù nella sua agonia nell’orto, quando ha pregato: “Padre, se è possibile, lasciami passare questo calice; tuttavia non la mia volontà, ma la tua volontà sia fatta” (Mt 26,39). Pertanto, il terzo principio della preghiera è che la prima e migliore petizione (richiesta) è chiedere che sia fatta la volontà di Dio nella nostra vita.

“DACCI OGGI IL NOSTRO PANE QUOTIDIANO”
Chiedere a Dio le nostre provviste quotidiane è un riconoscimento del fatto che dipendiamo da Lui. Quindi, nella preghiera possiamo chiedere a Dio di provvedere a noi. Facciamo le nostre richieste con la disponibilità ad accettare ciò che ci dà secondo la sua volontà. Colui che ci dà liberamente il soffio della vita (anche quando non l’abbiamo chiesto) risponde alle nostre preghiere in vista di ciò che è meglio per noi.

“RIMETTI A NOI I NOSTRI DEBITI”.
In piedi, in ginocchio o seduti in preghiera, la consapevolezza della sublime santità di Dio dovrebbe spingerci a confessargli i nostri peccati. Pertanto, il quinto principio è che la preghiera deve essere fatta con umiltà – consapevoli della nostra indegnità davanti al Dio Tutto Santo. Infatti, nessuna preghiera dovrebbe concludersi senza chiedere al Signore di perdonarci; perché non possiamo chiedergli di “darci il nostro pane quotidiano”, se ci ostiniamo a manomettere la pasta (di farina) con la sporcizia dei nostri peccati.

“COME NOI PERDONIAMO I NOSTRI DEBITORI”.
Nessun caro genitore è contento quando i suoi figli litigano tra loro. Allo stesso modo, Dio non è contento quando noi litighiamo tra di noi. Chiunque litighi con noi ha anche Dio come Padre. Quindi, Egli vuole che dimostriamo un segno del perdono che vogliamo ottenere da Lui perdonando gli altri prima di rivolgerci a Lui in preghiera. È per questo motivo che Gesù dice che prima di offrire i nostri doni sull’altare dobbiamo assicurarci di essere riconciliati gli uni con gli altri (cfr. Matteo 5:23-24). Pertanto, il sesto principio è quello di perdonare gli altri prima di cercare la misericordia di Dio.

“NON CI INDURRE IN TENTAZIONE, MA LIBERACI DAL MALE”.
San Paolo dice: “La nostra lotta non è contro nemici di sangue e di carne, ma contro i dominatori, contro le autorità, contro le potenze cosmiche di questa tenebra presente, contro le forze spirituali del male nei luoghi celesti” (Ef 6,12-13). Quindi, nelle nostre preghiere dovremmo cercare la protezione e la liberazione di Dio dai mali che spesso non vediamo, ma che Lui vede.

CONCLUSIONE
Dio non è un Padre solo per i sacerdoti e i pastori, quindi ogni cristiano dovrebbe pregarlo personalmente usando la preghiera di Gesù e i suoi principi. Quando usiamo questi principi e preghiamo nello Spirito Santo e attraverso il nostro Signore Gesù Cristo, Dio Padre ci risponderà sicuramente. Amen!

 

FOR A SIMILAR HOMILY, CLICK HERE>>>>>>

 

Dear friend in Christ, Thank you for your generous donations/check. You can still donate as low as $5. We need a minimum of about $5000 each year to upset our bills. We rely on your goodwill to further carry out Christ mandate of evangelization. Be assured of our prayers. Fill the “Green form Above” to donate>>>>